Blog: http://suibhne.ilcannocchiale.it

Horror religioso. Le ultime dal Dipartimento

L'incubo non ha fine. Oltre a tutti i drammi che ha vissuto questo dipartimento, oltre alle angherie contro i filologi romanzi, oltre alla dabbenaggine, alla guerra, adesso Panzone ha deciso che il suo walkman a cassetta con le cuffie in metallo e spugnetta arancione non bastava più. Ha deciso di uscire dagli anni '80 ineunti e gettarsi a testa bassa (cosa da non fare, se sei Panzone, perché si vede il doppio mento) nel XXI secolo: si è appena connesso al computer la cui password anche voi sapete e sta sparando a palla in tutta la stanza dottorandi una roba settecentesca per archi e leziosità. Il tutto mentre io cerco di decifrare 'sto lebbroso provenzale che sgozza un bambino e stupra una vergine. Cerco conforto al piano di sotto, tra gli studenti, nella speranza di sembrare a loro un giovanissimo ricercatore e ai passanti un giovane studente. Mentre sbircio tra i libri che ben conosco vedo una figura nera che si muove alle mie spalle, mi volto e aaaaaaaaaaaaaaarharhrharahgh c'è un prete vestito da prete, giovane e coi capelli rossi che mi fissa. Il problema è che aaaaaaaaaaaaaaarharhrharahgh l'ho fatto veramente e qualcosa mi dice che lui si sia un po' offeso. Ad esempio il fatto che abbia scosso la testa e si sia seduto a guardare delle fotocopie. E a fissarmi. Però vi giuro, non volevo. E non so neppure perché mi sia spaventato, a parte il fatto che un prete vestito da prete, coi capelli rossi che ti fissa e sembra padre Carras con la parrucca di Pennywise fa davvero paura.

Tra ventisette giorni sono a Zurigo, dove notoriamente sono calvinisti.

Pubblicato il 18/9/2007 alle 12.28 nella rubrica Biblioteche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web